Mazzate Pesanti
traccia 03 - durata 3'50'' - testo e musica di Roberto Raheli
[TORNA ALLA SCHEDA DEL CD]
[TORNA AL CATALOGO COMPLETO]

Abbasciu allu Salentu tenimu sule e mare
e cullu tamburrieddhu la gente balla e sona
ma sta musica etnica ete na cartolina
de nu Salentu fintu de notti e de tarante

su etnicu ncazzatu percé lu tamburieddhu
non deve diventare comu n anello al naso
battitini le mani all'amministratori
ca inventanu li festival e pare tutt'okkei

e allora dicu ieu:
mazzate pesanti cu li soni e cu lli canti
mazzate pesanti mazzate pe tutti senza santi
su etnicu ncazzatu na cosa l'aggiu dire
se nu parlamu moi dimme quando imu parla'.

Le scorie nucleari alla basilicata
su sciuti cu le lassanu ha tuccatu se ne tornanu
ma a Brindisi Ceranu tenimu lu carbone
cu fannu la corrente n'hannu mbelenati a nui

la mafia e la camorra ca mintenu le bombe
la gente ricattata per il posto di lavoro
le case condonate costruite subra a mare
alberghi sulle spiagge le discariche abusive

e allora dicu ieu:
mazzate pesanti cu li soni e cu lli canti
mazzate pesanti mazzate pe tutti senza santi
su etnicu ncazzatu na cosa l'aggiu dire
se nu parlamu moi dimme quando imu parla'.

L'alberghi sulle spiagge le notti e le tarante
la mercificazione di un Salento di facciata
se lu Salentu è moda sta moda ni cunsuma
squagghiamu tuttu moi e dopu nienti resta chiui.

li musicisti etnici s'hannu mortiplicati
se sannu cinque canti alli sei s'hannu mpallati
però nc'ete li festival ca portanu la gente
battitini le mani alli amministrato'

e invece dicu ieu:
mazzate pesanti cu li soni e cu lli canti
mazzate pesanti mazzate pe tutti senza santi
su etnicu ncazzatu na cosa l'aggiu dire
se nu parlamu moi dopu è tardi pe' parla'


 
tutte le immagini e i testi contenuti in questo sito sono di proprietà di Edizioni Aramirè. È vietata la copia e l'utilizzo senza autorizzazione.

Edizioni Aramirè - via Nazario Sauro 31 73100 Lecce e-mail aramire@tin.it