GIOVANNA MARINI
Il Salento di Giovanna Marini

doppio cd
Euro 15,50

torna alla presentazione

 

 

 

 

Word Music Magazine n. 68 di settembre 2004
Mentre La Notte della Taranta formato rock debordante - prodotta da Vittorio Cosma con Stuart Copeland lanciato in trame che spesso offuscano voci e tamburelli dell’orchestra salentina e con il poderoso ensemble percussivo Bash, la voce scura di Raiz e i fiati etnici di Giancarlo Parisi - va in giro in tour e diventa anche un CD e DVD che raccoglie il concerto del 2003, noi ritorniamo a Il Salento di Giovanna Marini, non per snobismo o conservatorismo musicale. Piuttosto ci piace riascoltare le voci straordinarie raccolte sul campo a cavallo tra anni ’60 e ’70, divenute poi modello per il folk revival di Terra d’Otranto: è anche da lì che occorre partire per pensare a forme di rielaborazione musicale. Due CD, di cui il primo è quello registrato dagli informatori, realizzati con procedure metodologiche non ortodosse per i canoni dell’etnomusicologia. ma privilegiando l’approccio dialogico caro all’antropologia culturale d’oggi. La Marini interagisce con le cantatrici, palesa il suo ruolo di musicista e ricercatrice, lo mette in discussione. Nel secondo CD, che raccoglie brani registrati tra il ’73 e il ’75, con due temi più recenti (’83 e ’03), l’artista si fa interprete dei materiali tradizionali andando oltre la musicalità salentina, ma raccogliendone ricchezza di timbri ed unicità dei moduli canori. La sua mediazione culturale - osserva Portelli in uno dei saggi che compongono il booklet - non consiste né nel modernizzare né nel ricalcare la voce contadina, ma nell’apprendere una grammatica musicale. senza mai dimenticare l’umanità di chi c'è dietro un canto a distesa.
Ciro De Rosa

 

 


 
tutte le immagini e i testi contenuti in questo sito sono di proprietà di Edizioni Aramirè. È vietata la copia e l'utilizzo senza autorizzazione.

Edizioni Aramirè - via Nazario Sauro 31 73100 Lecce e-mail aramire@tin.it